IL SALOTTO

Diego Galdino: quando un uomo scrive libri d’amore al profumo del primo caffè del mattino

Bentornati anche oggi nel mio Salotto per accogliere uno scrittore impegnatissimo che ringraziamo già per il tempo che ha deciso di dedicarci comunque. Sto parlando di Diego Galdino. Che tutti abbiamo imparato a conoscere attraverso i suoi romanticissimi libri che parlano d’amore, di persone, di sentimenti e anche di donne. Che ha incantato il pubblico con il suo primo romanzo Il primo caffè del mattino pubblicato da Sperling & Kupfer. Incanto che ha continuato a perpetrarsi con le sue pubblicazioni successive. Mi arrivi come da un sogno e Vorrei che l’amore avesse i tuoi occhi.
Tradotto in diversi paesi esteri, dove è altrettanto apprezzato, in aprile uscirà con il suo nuovo romanzo. Che sicuramente ci farà battere il cuore come i precedenti.
Classe 1971, romano, Diego Galdino, come il protagonista del suo romanzo d’esordio, ogni mattina apre il suo bar in centro. Prepara caffè fantasiosi, shekera, scambia battute con i clienti e, soprattutto, trova il tempo di scrivere, attività che dichiara essere la sua vera grande passione.
Sorriso solare e un accenno di timidezza nello sguardo così vediamo Diego Galdino la prima volta e lo facciamo accomodare nel nostro Salotto pronti con tè, pasticcini e domande alla mano.
E dopo questa breve presentazione lasciamo la parola proprio a Diego per raccontarci un po’ di sé e un po’ del suo lavoro di scrittore.

Come prima cosa ringrazio Diego per aver accettato il mio invito nel mio Salotto. E ora comincerei subito con una domanda di rito. Diego Galdino, scrittore di libri sentimentali. Non si vede tutti i giorni un uomo che legge storie d’amore, figuriamoci uno che ne scrive. Raccontaci un po’ di questa tua scelta. Quando e perché hai cominciato a scrivere? ma, soprattutto, quando e perché hai scelto di raccontare storie d’amore?
Salve a tutti, vorrei ringraziare la padrona di casa per avermi dato ospitalità, per me è un piacere rispondere a queste domande. Ho iniziato a scrivere consapevolmente a ventinove anni, dopo aver fatto un viaggio per vedere se il posto descritto in libro fosse davvero così bello come lo descriveva l’autrice. Per chi si stesse domandando di quale romanzo si tratti, è I cercatori di conchiglie di Rosamunde Pilcher, che è ambientato in Cornovaglia. Ho scelto di raccontare storie d’amore dopo aver letto il romanzo di Nicholas Sparks Le pagine della nostra vita, perché rimasi affascinato, rapito da questo amore oltre… oltre il tempo, oltre la malattia, oltre le difficoltà. Ogni volta che scrivo un romanzo d’amore per me è una sfida con questa pietra miliare della letteratura romantica, che per il momento continua a vincere Noah.

Ti aspettavi il successo che Il primo caffè del mattino ha riscosso oppure ti ha colto di sorpresa?
Sinceramente se mi avessero detto guarda che questo romanzo sarà letto in otto paesi europei, in Sudamerica e ci faranno un film, mi sarei messo a ridere. Il mio agente letterario un giorno mi disse… Questo romanzo sembra magico, sembra avere intorno a se un’aura positiva, una vita propria, che gli permette di arrivare in breve tempo dove ad altri ci vogliono vite intere.

Dopo Il primo caffè del mattino sono arrivati altri romanzi, tutti successi e tutti dello stesso genere. Ma tu non hai mai lasciato il tuo lavoro principale. Come il tuo protagonista lavori in un bar e vivi a contatto con la gente tutti i giorni. Quanti spunti per i tuoi romanzi ti arrivano dalla tua quotidianità?
Nel bar dove lavoro ci sono nato, nel vero senso della parola, ho imparato a camminare, ho vissuto tutte le esperienze più importanti della mia vita, è il posto dove passo gran parte delle mie giornate, per me è casa da sempre… e ovviamente ha ispirato il mio primo romanzo Il primo caffè del mattino, ma a dire la verità forse è il romanzo che meno mi rappresenta come scrittore, perché in realtà io scrivo per evadere dal mio contesto quotidiano cercando di fare attraverso i protagonisti delle mie storie tutte quelle cose che io non riesco o non posso fare nella realtà. Quindi l’ispirazione per le mie storie di solito arriva da altri posti che con il caffè hanno poco a che vedere.

Che effetto ti ha fatto sapere che dal tuo primo romanzo ne avrebbero tratto un film?
Come dice il mio agente letterario Il primo caffè del mattino è magico, di sicuro un film tratto da un mio romanzo è per me la sublimazione del sogno, visto che io sono un grande appassionato di cinema, ma i tempi saranno lunghi, quindi ci vorrà tanta pazienza e fiducia.

Raccontaci un po’ la tua esperienza durante la realizzazione del film. Hai contribuito alla sceneggiatura? e, se sì, racconta ai lettori le differenze e/o difficoltà riscontrate tra la stesura di un romanzo e quella di una sceneggiatura per un film.
Per il momento posso dire che è una bellissima esperienza, visto che già partendo dalla sceneggiatura mi sono potuto confrontare con uno dei più bravi ed importanti sceneggiatori italiani, sapere che Vittorio Moroni stia lavorando per adattare una tua storia per il grande schermo è già per me una grande soddisfazione, ed ho apprezzato il fatto che lui potesse essere interessato al mio parere in merito al suo lavoro. Sicuramente è molto difficile trarre una sceneggiatura da un romanzo, perché non tutte le scene del libro sono realizzabili cinematograficamente e perché ridurre tutto ciò che accade nella storia in due ore di film richiede un grande lavoro di scrittura viva intesa come capacità di tradurre le parti più importanti in immagini, tralasciandone altre senza nulla togliere alla bellezza del romanzo e susseguentemente del film.

Diego Galdino è ormai famoso. Ma a differenza di altri scrittori che possono sottrarsi al proprio pubblico ha poche possibilità di farlo proprio a causa del suo lavoro al bar che è un altro modo di essere sempre alla mercè delle persone. Praticamente la tua privacy è ridotta all’osso, se così possiamo dire. Quanto questo è lusinghiero e gratificante? e quanto può diventare una prigione?
Famoso è una parola grossa, comunque a me piace interagire con i miei lettori, anche perché io considero le persone che leggono i miei romanzi degli amici, visto che mi danno fiducia senza nemmeno conoscermi e con i tempi che corrono in cui anche prendere un caffè al bar può essere un qualcosa a cui si rinuncia per necessità, non è poco. Anzi per me è molto lusinghiero e gratificante.

Essere un uomo che scrive romanzi rosa. Quanto si è dimostrato un privilegio? e quanto una limitazione, anche a causa di alcuni pregiudizi (purtroppo ancora radicati) che associano la scrittura rosa a un mondo prevalentemente femminile?
Come ho spiegato durante la manifestazione Firenze Libro Aperto durante il dibattito sulla letteratura femminile, quando mi viene chiesto che genere di libri scrivo, io rispondo romanzi d’amore, perché trovo riduttivo usare un colore solo per l’argomento più importante e complesso di cui si possa scrivere. C’è un bellissimo passaggio in Persuasione di Jane Austen che dice… SAREI DAVVERO DA DISPREZZARE, SE OSASSI PENSARE CHE IL VERO AMORE E LA COSTANZA SONO PREROGATIVE SOLO FEMMINILI. È vero che in Italia i romanzi d’amore sono scritti prevalentemente da scrittrici, di grande qualità aggiungerei, ma se andiamo a vedere nel mondo gli scrittori di romanzi d’amore più letti sono uomini, mi vengono in mente Nicholas Sparks, Marc Levy, Evans, Mussò. Io scrivo romanzi d’amore non perché mi va di farlo, ma perché sento di doverlo fare…

E restiamo sulla tua scrittura. Come scrive Diego Galdino? arriva l’idea e prende appunti poi traduce in trama? si organizza uno schema? oppure scrive di getto?
Nel film Scoprendo Forrester uno scrittore di fama mondiale spiega al suo pupillo che scrivere non è pensare, è scrivere, che la prima stesura va scritta senza nemmeno guardare sul foglio cosa si sta scrivendo, non devi pensare, devi solo scrivere, nemmeno con il cuore, ma con la pancia, ecco io faccio esattamente così.

E quando scrive Diego Galdino? di giorno? di notte? nei ritagli di tempo? oppure si impone un tempo durante la giornata per la scrittura?
Da sempre per scrivere io mi sveglio la mattina alle quattro, scrivo per un’ora e mezza, poi mi travesto da barista e scendo a fare i caffè… poi se mi viene qualche idea tra un caffè e l’altro me l’appunto sul cellulare e la sera dopo cena mi metto al computer e la sviluppo.

Ti è mai capitato di avere un momento di crisi creativa oppure, come la definirei io, organizzativa durante la stesura di uno dei tuoi romanzi? ad esempio arrivare a un punto e dire: mi sono incartato, da qui non ne esco. Se sì come l’hai superata? e se ti è capitato, hai mai abbandonato la stesura di una trama? magari anche con l’intento di riprenderla forse in un futuro?
Mi trovo in difficoltà a rispondere a questa domanda perché non vorrei sembrare presuntuoso, ma sinceramente non ho mai avuto nessuno dei problemi che mi hai elencato. Forse ciò è dovuto al fatto che quando inizio a scrivere un romanzo io abbia già nella testa tutta la storia dalla prima all’ultima scena, è come se avessi visto un film e lo raccontassi ad una persona che non può vederlo. A dire la verità se io avessi la possibilità di fare solo lo scrittore credo che scriverei un romanzo a settimana. Ho tante storie nella mia testa da raccontare, anzi nel mio cuore, anzi nella mia pancia.

Un consiglio agli aspiranti scrittori che hanno il famoso romanzo nel cassetto. Come provare a realizzare il proprio sogno di pubblicazione?
Agli aspiranti scrittori dico di non smettere mai di crederci, quando mi fanno questa domanda rispondo sempre raccontando la barzelletta del fedele che va in chiesa tutti i giorni per chiedere a Dio di fargli vincere la lotteria, e alla fine Dio esasperato gli dice… ma se tu non compri il biglietto come faccio a farti vincere? Ecco forse in Italia arrivare al successo letterario o a scrivere per un’importante casa editrice è come vincere la lotteria, ma se non scrivi sarà sicuramente impossibile che ciò possa accadere.

E ora passerei a Diego lettore. Sei onnivoro? oppure prediligi un genere? ebook? oppure cartaceo?
Leggo di tutto a parte l’horror, sono un tipo impressionabile, e per ogni genere ho il mio scrittore preferito, come Manfredi, Grisham, Follet, Rollins, Nesbo, Larsson, ma ovviamente prediligo il genere romantico, con Nicholas Sparks su tutti. Io faccio collezione di prime edizioni, adoro sentire il profumo della carta consunta dal tempo, e sfiorare quelle pagine pensando a chi le ha sfogliate prima di me, ho edizioni dell’ottocento, con tanto di dedica alla persona a cui fu regalato, e leggendola immagino chi possa essere stata Miss Fanny, è come se il libro mi raccontasse un’altra storia.

Un libro che hai letto e che rileggeresti più e più volte. E un libro, se esiste, che ti fa pensare: se lo avessi saputo evitavo di perdere tempo. Oppure che hai abbandonato senza mai più avere la tentazione di finirlo.
Il libro che rileggerei sempre è Persuasione di Jane Austen credo che sia da considerarsi il precursore di tutti i romanzi d’amore moderni. A l’altra domanda preferisco non rispondere per rispetto di chi scrive… anche se devo confessare che in Anna Karenina ho fatto il tifo per il treno…

E ora una curiosità personale, ma forse anche dei miei lettori. Durante la stesura di un romanzo: sottofondo musicale sì o no? e se sì cosa ascolti?
Mentre scrivo entro nella storia, interagendo con tutti i miei personaggi, quindi se sentissi della musica mentre sto scrivendo, non sentirei cosa mi dicono loro.

E siamo giunti alla conclusione anche con questa intervista. Anche se, in tutta sincerità, di domande ne avrei ancora tante per cui se ti fa piacere rinnovo anche a te l’invito per un altro incontro qui nel mio salotto.
E ora la domanda di rito. Progetti per il futuro. Parlaci un po’ del tuo nuovo romanzo che presto vedrà la luce. E, se puoi, dacci qualche anticipazione.
Ti ringrazio ancora per l’ospitalità, quando vorrai offrirmi un tè nel tuo salotto lo berrò sempre volentieri. Riguardo il mio ultimo romanzo che uscirà il 24 Aprile, non posso dire ancora molto, ma posso consigliare di seguire la mia pagina facebook, dove qualcosa è già stata velatamente detta… di sicuro sarà un romanzo d’amore composto da tutti i colori, forse il più emozionante che io abbia scritto fino adesso.

Grazie a te Diego per aver accettato il mio invito e averci raccontato un po’ di te. E adesso siamo proprio giunti al termine.
E, prima di salutare anche voi lettori, colgo l’occasione per ricordare che potrete trovare una bella recensione dell’ultimo romanzo di Diego Galdino, Vorrei che l’amore avesse i tuoi occhi, cliccando qui: Sognando tra le righe.